Categories Blog

Motozappa, scelta e uso

Motozappa, scelta e uso

Le motozappe possono operare anche su terreni duri? Anche su terreni mai vangati? Sono faticose da utilizzare? Si ottiene una grana fine dal terreno? Riportiamo nel blog una guida da noi redatta, pubblicata anche sul nostro profilo di ebay store professionale, che da anni riscuote successo tra i lettori.

motozappa bertolini

In qualità di rivenditori di macchine per la cura del verde e per il giardinaggio queste domande ci vengono spesso rivolte dai clienti che prendono in considerazione l'acquisto di una motozappa. 

Ciò accade tanto presso la nostra sede commerciale "fisica" quanto qui nelle comunicazioni con Voi utenti ebay. Inutile dire che per qualsiasi domanda siamo sempre a disposizione ma visto appunto i tanti interrogativi sulle motozappe abbiamo deciso di scrivere questa guida.

Innanzitutto un consiglio per l'acquisto.
Le motozappe sono macchine di costruzione fondamentalmente semplice...ma attenzione è FONDAMENTALE per questo tipo prodotti, in virtù dela gravosità del lavoro che effettuano, la qualità dei materiali e la cura nella costruzione!
Al di là del fatto che nel nostro negozio e anche qui su ebay trattiamo motozappe e motocoltivatori BERTOLINI e MGM Lampacrescia, costruttor italiani leader nel settore che non hanno bisogno di presentazioni, Vi raccomandiamo di scegliere attrezzi che soddisfino suddetti criteri. 

Evitate "i marchi/costruttori improvvisati".! E' facile risparmiare su un prodotto se si utilizzano acciai per le zappe di scarsa qualità, non induriti, zappe a sezione di spessore minore, telai e carter costruiti con acciai e plastiche economiche, verniciature scadenti, collegamenti tra gli organi di macchina "deboli", cinghie di scarsa qualità, motori di provenienza sconosciuta ecc... 
Ricordate che quando acquistate un prodotto di qualità, di produttori noti ed affermati, quel "qualcosa in più" che spendete è legato anche al fatto che il costruttore in questione assicura per quelle macchine garanzia e servizio di reperibilità dei ricambi per almeno 10 anni dalla cessata produzione del modello (in generale i costruttori leader sono in grado di fornire ricambi anche per periodi notevolmente superiori!).

Rispondiamo ora alle domande più frequenti FAQ :-)

Le motozappe possono operare anche su terreni duri? Anche su terreni mai vangati?

Sì, le motozappe son in grado di lavorare anche terreni mai vangati e addirittura terreni che sono stati soggetti a calpestio per lunghi periodi di tempo. Altresì sono in grado di dissodare un prato senza anche in questo caso vangature preliminari. 
E' questa la vera forza di questo tipo di macchine! Riescono in questa "missione" grazie al bilanciamento della macchina, alla presenza e all'efficacia dello sperone nel "trattenere" la macchina e alla bassa velocità di rotazione della fresa.

Sono macchine faticose da utilizzare?

Il loro utilizzo non è per nulla impegnativo, utilizzata in modo corretto è la macchina che provvede a tutto il carico di lavoro. L'utilizzatore deve in sostanza regolare correttamente la posizione dello sperone (vedi paragrafi successivi) e limitarsi ad esercitare una pressione verso il basso sul manubrio in modo che lo sperone faccia presa nel terreno. In questo la forza l'azione propulsiva in avanti della fresa in rotazione si scaricherà sullo sperone che agirà come sorta di "freno" all'avanzamento e Voi non dovrete far altro che condurre la macchina. Non c'è nessun "tiro alla fune" da fare! Alleggerendo la pressione sul manubrio consentirete alla macchina di avanzare e così via...
La parte più inpegnativa del lavoro è la rottura della "crosta" del terreno mai lavorato che impegna in genere la prima passata della macchina. Quanto appena descritto è assolutamente valido per questa prima operazione.
Una volta che la "crosta" è stata frantumanta (dopo la prima passata quindi) lo sperone affonderà più facilmente nel terreno, Voi dovrete esercitare una pressione minore sul manubrio per "frenare" la macchina e così via...
Alla terza passata (di solito per preparare un terreno mai lavorato arrivando ad una profondità che vede l'affondamento di tutta la fresa occorrono tre passate), con sperone che affonderà completamente nel terreno la macchina avanzerà dolcemente con una richiesta minima di vostro intervento, in pratica non sarà nemmeno più necessario esercitare pressione sul manubrio per "frenarla".

Quanto descritto è visibile in un breve video da noi realizzato, (lo trovate in fondo alla pagina linkata):

Video BERTOLINI 201E 

Un'ultima considerazione: ovviamente più si sale con la larghezza della fresa è maggiore sarà "l'impegno" fisico da parte dell'operatore durante l'utilizzo, specialmente nelle fasi di "manovre" ecc...
In generale comunque fino a frese di larghezza di 80cm, montate su macchine di tipo maneggevole con trasmissione a cinghia, è possibile affermare che sono macchine utilizzabili senza problemi da tutti.
Ad ogni modo molti costruttori (come BERTOLINI e MGM Lampacrescia del resto) offrono frese modulari, restringibili a piacere a 60cm, o appunto estensibili da 60cm a 80cm. Si tratta solo di smontare/montare un elemento fresante per parte (un bullone per parte, si fa in 5 minuti).
Attenzione: la fresa è l'organo più "esposto" della macchina...la qualità del materiale di costruzione e lo spessore con cui sono realizzate le zappe è fondamentale per: mantenimento dell'affilatura e quindi della capacità di penetrazione nel terreno, capacità di resistere senza deformazioni e rotture ad urti contro ostacoli "sommersi" nel terreno quali sassi e tronchi, usura stessa delle parti. Occhio quindi quando acquistate...

Si ottiene una grana fine dal terreno?

La risposta è SI'! La grana del terreno è definita dal numero di passate, così come la profondità di lavoro, in genere su un terreno "normale" mai lavorato con tre passate si ottiene una grana ottima per la semina. In presenza di terreni mai lavorati molto duri possono essere necessarie quattro passate per ottenere una grana fine, in presenza di terreni già lavorati (es. un orto) bastano due passate. 
In generale inoltre la grana che si ottiene con "tot" passate dipende anche dalla friabilità del terreno stesso e dal contenuto in acqua. Con terreni molto bagnati è difficile ottenere una buona grana data la tendenza delle zolle e zollette ad incollarsi nuovamente tra loro. Ecco quindi che non è consigliabile utilizzare la motozappa quando il terreno è molto bagnato (così come in queste condizioni non vanghereste o zappereste a mano l'orto....).

Al termine del video sopra indicato è mostrata anche che tipo di grana è possibile ottenere con tali macchine.

I "segreti" della motozappa

Regolazione della profondità di lavoro


Come in precedenza accennato la profondità di lavoro viene determinata dalla pressione esercitata dall'operatore sul manubrio (e quindi sullo sperono) e dalla regolazione in altezza dello sperone stesso. Con sperone "alto" la macchina avrà il baricentro spostato in avanti e quindi tenderà ad avanzare e a non affondare. Con sperone "basso" lavorerà "sul posto" rompendo il terreno e affondando.
Evitate quindi macchine con sperone non registrabile in altezza, avreste poi difficoltà durante il lavoro.

Perchè la fresa ha i dischi laterali?

I dischi laterali servono a mantenere in guida la macchina, a delimitare così con precisione la zona presata, a contenere l'uscita laterale del terreno che potrebbe andare altrimenti a coprire colture già presenti a fianco della zona di lavoro.
In presenza di terreno molto morbido inoltre garantiscono un buon galleggiamento della motozappa e un avanzamento uniforme evitandone l'affossamento.
Se il terreno è molto molto duro è possibile togliere i dischi laterali per permettere alla fresa di affondare più facilmente. 
Inoltre in presenza di terreno molto umido togliere i dischi laterali limita la tendenza "all'intasamento" della fresa, ovvero la tendenza del terreno ad incollarsi alla fresa e a formare un cilindro intorno ad essa.

Accessori

Uno degli accessori maggiormente richiesti è l'assolcatore . Si monta al posto dello sperone e viene utilizzato in combinazione con la fresa. Con esso possiamo creare solchi regolabili in profondità, visto che l'assolcatore sfrutta il sistema di regolazione in altezza proprio dello sperone) e in larghezza (almeno per il modello da noi proposto che prevede una regolazione su 3 larghezze di lavoro).
E' possibile quindi, sfruttando l'azione propulsiva della fresa, creare solchi di dimensioni ottimali per semina, irrigazione, sgrondo ecc...
L'assolcatore funge anche da scavapatate.

Ulteriori accessori di indubbia utilitò sono i rulli tagliaerba. Si montano al posto della fresa e sono utilizzati per il ripasso di terreni soffici allo scopo di eliminare erbe infestanti.


 

...THE END...

 

Solution Graphics

Powered by SML
garden-utensil-orlandini © 2019
Orlandini Ermes
Via Venezia 50/C Parma, Italia 43122
Phone: +39 0521 785677